Skip to main content

Resta aggiornato con noi sul mondo dell’edilizia! Segui myAEDES

La Legge di Bilancio 2020, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 304 del 30 dicembre 2019, stabilisce che a decorrere dall’anno 2020, l’imposta unica comunale (c.d. IUC) – di cui all’articolo 1, comma 639, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 – è abolita, ad eccezione delle disposizioni relative alla tassa sui rifiuti (TARI).

Più precisamente, la disposizione normativa in commento accorpa all’Imposta unica comunale (meglio conosciuta come IMU) la Tassa sui servizi indivisibili (ovvero TASI).

L’imposta nel 2020, quindi, sarà solo una, perché l’Imu cambierà e diventerà un unico tributo insieme alla Tasi. Tuttavia i Comuni potranno arrivare a chiedere ben l’1,14% per la nuova Imu, che quindi risulta superiore a quanto pagato per Imu e Tasi in passato.

La nuova IMU, in nome sia della semplificazione fiscale che della lotta all’evasione, potrà essere pagata tramite:
– bollettino postale compatibile col modello F24;
– modello F24;
– la piattaforma PagoPa.

Il bollettino precompilato, che arriva direttamente a casa del cittadino italiano, è stata una proposta dei mesi passati dell’Onorevole leghista Alberto Gusmeroli.

Tramite l’invio di bollettini IMU precompilati o degli F24 direttamente a casa dei contribuenti, infatti, si dovrebbe anche recuperare il sommerso.

La manovra del 2020 nulla dispone per quanto riguarda le scadenze previste per il pagamento della tassa, che quindi restano invariate. I contribuenti assoggettati alla nuova Imu, quindi, dovranno provvedere al versamento della stessa, alle seguenti scadenze:
– acconto nuova Imu da corrispondere entro il 16 giugno 2020 (nella misura della metà di quanto versato nel 2019, per dare il tempo ai Comuni di dettare le nuove regole con delibera);
– saldo nuova Imu da pagare entro il 16 dicembre 2020.

Nessun cambiamento anche per quanto riguarda le esenzioni e la riduzione del 25% per chi concede in locazione un immobile di proprietà con contratto a canone concordato.
Invariata infine la possibilità di azzerare o ridurre l’aliquota per immobili diversi rispetto alla prima casa.

Resta aggiornato con noi sul mondo dell’edilizia! Segui myAEDES