Skip to main content

Resta aggiornato con noi sul mondo dell’edilizia! Segui myAEDES

Approvato dalla camera il disegno di legge di delegazione europea 2018 che recepisce, tra le altre norme, la Direttiva 2018/844/UE (aggiornamento della Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica). Analizziamo ora tutte le novità sull’efficienza energetica.

Entro il 10 Marzo 2020 gli stati membri UE hanno l’obbligo di adeguare le proprie normative interne.

Le novità

Il governo pone particolare attenzione al rapporto costi-benefici, in modo da minimizzare gli oneri e massimizzare l’utilità.

Le strategie che la direttiva propone sono molteplici, tra cui:

  • la promozione di ristrutturazioni economicamente efficienti;
  • l’introduzione di un ‘indicatore di intelligenza’ per gli edifici che, grazie all’interazione con la rete, potrà adattare il consumo energetico alle esigenze reali degli abitanti;
  • la semplificazione delle ispezioni degli impianti di riscaldamento e di condizionamento dell’aria;
  • la promozione dell’elettromobilità mediante l’istituzione di un quadro per i posti auto destinati ai veicoli elettrici.

Vi sono poi obiettivi a lungo termine come la riduzione delle emissioni di gas effetto serra del 40% entro il 2030 e un sistema energetico decarbonizzato ad alta efficienza entro il 2050.

Tra le novità più importanti, inoltre, sottolinea il portale del Comitato Termotecnico Italiano (CTI), vi sono:

  • il nuovo indicatore di predisposizione degli edifici all’intelligenza (facoltativo per gli Stati membri);
  • la definizione di una strategia e di una tabella di marcia per la ristrutturazione a lungo termine.

Infine per promuovere un mercato delle costruzioni efficiente si attuerà uno studio approfondito della fattibilità tecnica, ambientale ed economica.

Per quanto riguarda gli edifici oggetto di ristrutturazioni importanti si favorirà invece l’utilizzo di “sistemi alternativi ad alta efficienza, nella misura in cui è tecnicamente, funzionalmente ed economicamente fattibile” e si dovranno “prendere in considerazione le questioni del benessere termo-igrometrico degli ambienti interni, della sicurezza in caso di incendi e dei rischi connessi all’intensa attività sismica”.

Consulta qui la versione integrale della Direttiva gratuitamente: Direttiva 2018/844/UE

Rimani aggiornato su tutte le novità: seguici sulle pagine social e iscriviti alla nostra newsletter!

Resta aggiornato con noi sul mondo dell’edilizia! Segui myAEDES