Skip to main content

Se lavori in cantiere come tecnico, sai bene che la corretta documentazione del lavoro in un cantiere edile è importante per l’avanzamento e la consegna del progetto. Non solo manterrà te e i tuoi dipendenti informati sullo status quo, ma “proteggerà” legalmente il tuo lavoro in caso di contestazioni.

foto in cantiere myAEDESCon una prova fotografica raccolta in cantiere, puoi tutelarti da committenti e imprese che vogliono scaricare la responsabilità sui tecnici come DL o CSE: utilizzando una fotocamera da un tablet o uno smartphone in cantiere e acquisendo numerose foto step by step, dimostriamo anche in sede legale, le reali responsabilità.

L’archivio fotografico di un cantiere: come realizzarlo

Per via della durata, un cantiere è il luogo in cui l’archiviazione di documenti e foto inizia a pesare sullo spazio di archiviazione dei dispositivi che utilizziamo per scattare.

Come archiviare in sicurezza le foto del cantiere?

  1. Il metodo meno sicuro è quello di scattare le foto dal proprio smartphone e inviarle via email o peggio via WhatsApp al destinatario. Dopo diversi mesi o anni, in caso di contestazione, sarà difficile se non impossibile ritrovare quella specifica foto.
  2. La seconda soluzione è molto più affidabile. Se si utilizza il cloud di app specifiche per cantiere come myAEDES, si ha la certezza che dopo, mesi o anni, in caso di contestazioni sarà sufficiente, riaprire il cantiere e ritrovare in ordine cronologico, tutte le foto scattate in quel preciso cantiere. 

Chi ha scattato questa foto in cantiere?

Aprendo una vecchia cartella di foto scattate in cantiere, sarà sicuramente capitato a tutti di non riuscire a individuare chi ha scattato questa o quella foto.

Con un’app specifica per cantieri come myAEDES, tutti possono collaborare al singolo cantiere, ma ogni nota così come ogni foto, viene attribuita all’autore certificandone inoltre data e ora. 

L’impresa o il committente in questo modo non hanno modo di poter contestare nulla, se non altro perché il tecnico ha prodotto un atto formale legalmente valido.

Cosa può andare storto archiviando su chiavette o memorie esterne le foto scattate in cantiere?

Prima di tutto, bisogna essere consapevoli che le foto di molti cantieri, se non archiviate con un certo criterio possono essere confuse in quanto molti scenari sono visivamente comuni ad altri. 

In secondo luogo, va sempre tenuto presente che archiviare le foto scattate in cantiere su supporti come chiavette o schede di memoria esterne, sono soggette a possibili guasti della memoria, che difficilmente sono sanabili. 

I vantaggi di usare un’app per scattare foto in cantiere. 

Ormai la differenza tra uno scatto in cantiere fatto da una reflex e uno scatto fatto da un buon tablet o smartphone è trascurabile. 

Quali sono i vantaggi per cui è ormai diventato indispensabile scattare dall’app per cantiere myAEDES? 

Se un operaio scopre un difetto in una tubazione posata e scatta una foto, può aggiungere ulteriori informazioni direttamente alla sua foto commentando nell’app. 

Con semplici strumenti di editing digitale direttamente nell’app, è possibile anche contrassegnare determinate aree, ad esempio per enfatizzare quale parte della foto richiede maggiori attenzioni in quel momento.

Quali sono gli usi più comuni delle foto in cantiere?

DL, CSE, Imprese edili e impiantisti allegano le foto a documenti come i verbali di sopralluogo, ai verbali CSE, ai giornali di lavoro.

Produrre questa documentazione direttamente dall’app al termine del sopralluogo è il modo migliore per non rischiare sanzioni o spiacevoli contenziosi tra gli attori del cantiere.

Mostrare al committente o all’impresa gli stati avanzamento lavori aiuta a mantenere un rapporto di maggiore fiducia ed evita possibili contestazioni. 

Inizia gratis. Scarica myAEDES, clicca qui.