Skip to main content

Siti ENEA per le comunicazioni obbligatorie: cosa sono

Il portale ENEA 2022 dedicato alle detrazioni fiscali “Ecobonus e dintorni” e Bonus casa (Ristrutturazioni 50% e Bonus Mobili) è online dallo scorso 1° aprile.

portale ENEA scadenze myAEDESSi tratta del portale ufficiale dove trasmettere all’ENEA i dati sugli interventi di efficienza energetica con fine lavori nel 2022 che possono beneficiare delle detrazioni fiscali.

Infatti, per tutto il 2022 vige l’obbligo di comunicare all’ENEA le informazioni per alcuni interventi soggetti al bonus ristrutturazioni edilizie che comportano un risparmio energetico e/o l’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia

La scadenza per l’invio delle comunicazioni (che si compilano esclusivamente online) è fissata al 30 giugno, 90 giorni dopo la messa online del portale, al quale si accede esclusivamente dietro autenticazione con SPID o carta identità elettronica (è necessario registrarsi).

La novità del 2022

Per l’anno corrente c’è un unico portale unico per l’inserimento dei dati relativi:

  • sia all’Ecobonus 2022 (art. 14 del DL 63/2013) per gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica;
  • sia al Bonus Casa (16-bis DPR 917/86, che comprende sia il Bonus Ristrutturazioni 50% che il Bonus Mobili) per i lavori che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili.

A chi interessa

Al contribuente che deve beneficiare della detrazione fiscale per lavori di efficientamento energetico o collegati ai Bonus Casa (cioè il committente dei lavori/proprietario della casa) oppure al professionista tecnico (direttore dei lavori, asseveratore, ecc.) che, per conto del cliente, caricherà i dati sul portale.

Come visto sopra, il termine di 90 giorni per la trasmissione all’ENEA dei dati sugli interventi edilizi completati tra il 1° gennaio e il 31 marzo 2022 decorre infatti dalla data di messa online del sito (1° aprile).

Cosa si invia

All’ENEA devono essere inviati:

  • attraverso la sezione Ecobonus, i dati degli interventi di riqualificazioni energetica del patrimonio edilizio esistente (incentivi del 50%, 65%, 70%, 75%, 80%, 85%) e i dati degli interventi passibili di Bonus Facciate quando comportano la riduzione della trasmittanza termica dell’involucro opaco (detrazione del 90% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021, del 60% per le spese sostenute dal 1° gennaio 2022);
  • attraverso la sezione Bonus Casa, i dati degli interventi di risparmio energetico e utilizzo di fonti rinnovabili che usufruiscono delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie.

Entrando più nel dettaglio, per i lavori ammessi in detrazione al 50%, l’obbligo di invio dei dati si applica agli interventi che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili, come, ad esempio (non esaustivo):

  • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno e riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;
  • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti e pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto.

Per le Facciate, la scheda descrittiva dovrà riguardare gli interventi influenti dal punto di vista termico/che interessino il rifacimento dell’intonaco per più del 10% della superficie disperdente lorda totale.

Per il Bonus Casa, lato Bonus Mobili, serve trasmettere esclusivamente le spese per l’acquisto di elettrodomestici.

Come si compila la pratica

Dopo aver effettuato il login, e prima della compilazione della scheda descrittiva, all’utente viene richiesto di inserire i propri dati anagrafici e di residenza. Se l’invio è effettuato da un intermediario per conto del soggetto beneficiario (questo è il caso di direttore lavori) sarà necessario barrare l’apposita casella.

Verrà poi richiesto di indicare se si intende compilare una nuova scheda descrittiva relativa a lavori rientranti nell’ambito dell’Ecobonus o dei Bonus Casa. In entrambi i bisognerà indicare se ad effettuare l’invio è il beneficiario o un intermediario. La voce intermediario dovrà essere selezionata anche se la scheda descrittiva riguarda lavori su parti comuni del condominio.

La comunicazione ENEA prevede la compilazione de dati relativi a:

  • ubicazione;
  • dati catastali;
  • proprietà dell’immobile (anno di costruzione, superficie, destinazione d’uso, ecc..).

Completata questa sezione si passa poi alla compilazione delle informazioni relative all’intervento eseguito, con indicazione di data inizio e ultimazione lavori, ed eventuali dettagli tecnici, se richiesti.

E il Superbonus?

In ultima istanza, ricordiamo ai professionisti tecnici incaricati che, per compilare e protocollare le asseverazioni e i documenti previsti dalla normativa sul Superbonus 110% (art. 119 del DL 34/2020 e DM Asseverazioni), il riferimento è il sito detrazionifiscali.enea.it.

L’importanza del verbale di sopralluogo durante una contestazione o un’ispezione

Il comparto edile sta crescendo spinto dal Superbonus 110%. Tutti i professionisti del settore sono travolti da una mole di lavoro che lascia poco spazio agli errori, tanto meno alla risoluzione degli stessi.

Il numero di foto scattate durante il sopralluogo è triplicato. Il motivo è presto detto. Tramite una foto scattata durante l’applicazione di un intonaco specifico o di uno strato di un cappotto, i committenti si rassicurano circa l’uso di un materiale e gli ispettori possono avere una prova non invasiva che i prodotti utilizzati rientrano in quelli per cui è stato applicato lo sconto in fattura.

Con l’app myAEDES, le foto scattate vengono salvate automaticamente in cloud e impaginate insieme alle note, ai presenti e alle firme in un verbale di sopralluogo elegante e professionale, subito condivisibile con committenti e ispettori.

Per la loro tutela un numero sempre crescente di professionisti e imprese edili sta adottando un gestionale completo di app in grado di garantire la compilazione verbali, giornali e SAL istantanei e di archiviarli per sempre nel cloud.

In questa pagina entriamo nel dettaglio della digitalizzazione dei cantieri e di come molte contestazioni vengono poi risolte mediante strumenti per il monitoraggio del cantiere e la realizzazione di verbali dettagliati.

Scopri se i tuoi cantieri sono al passo nel 2022

FAI IL QUIZ