fbpx

Cos’è la certificazione energetica (APE) e quanto costa?

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Se sei qui è perchè ti trovi in una di queste situazioni:

  • stai costruendo o ristrutturando un immobile;
  • hai messo in vendita un immobile;
  • vuoi affittare il tuo immobile;
  • hai bisogno del certificato di agibilità.

Nei prossimi paragrafi di questo articolo scoprirai cos’è l’attestato di prestazione energetica (APE), come ottenerlo e quanto costa.

Di cosa si tratta

L’APE è il documento che descrive le caratteristiche energetiche di un immobile. È uno strumento che attesta con una scala da A4 a G le prestazioni energetiche degli edifici, tale attestazione è obbligatoria per la vendita o l’affitto di un qualsiasi immobile.
In particolare l’APE può essere definito come un sistema di valutazione della qualità energetica, ma anche di promozione dell’efficienza della stessa.

Efficienza energetica

Il termine efficienza energetica indica la capacità di un sistema fisico di ottenere un dato risultato utilizzando meno energia rispetto ad altri sistemi detti a minor efficienza, aumentandone generalmente il rendimento e consentendo dunque un risparmio energetico ed una riduzione dei costi di esercizio.

Validità

La validità dell’APE è di 10 anni, per conservarla bisogna effettuare i controlli e ricordarsi che il sopralluogo dell’immobile è obbligatorio.

Contenuti

L’APE è redatto in un formato standard valido per tutto il territorio nazionale. Deve contenere obbligatoriamente queste informazioni:

  • la prestazione energetica globale sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile;
  • la classe energetica determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale, espresso in energia primaria non rinnovabile;
  • la qualità energetica del fabbricato;
  • i valori di riferimento, quali i requisiti minimi di efficienza energetica;
  • le emissioni di CO2
  • gli indici di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile e l’energia elettrica esportata;
  • la qualità annua di energia consumata per vettore energetico;
  • l’elenco dei servizi energetici con le relative efficienze:
  • le raccomandazioni per il miglioramento dei livelli di efficienza energetica con le proposte degli interventi più significativi ed economicamente più vantaggiosi.

Tempistiche normative

A partire del 1 luglio 2009 la redazione dell’APE viene resa obbligatoria in caso di compravendita di immobili.
Dal 1 luglio 2010 va obbligatoriamente redatto anche in caso di locazione.
Dal 1 gennaio 2012 in tutti gli annunci immobiliari vanno obbligatoriamente inserti gli indici di prestazione energetica (kWh/mq anno).

L’APE rientra tra i documenti necessari per ottenere il certificato di agibilità di un edifico.

Da chi viene redatto

L’APE viene redatto da un “soggetto accreditato”, secondo il DPR 16 aprile 2013, n. 75, chiamato certificatore energetico, che ha competenze specifiche in materia di efficienza energetica applicata agli edifici.
Il certificatore energetico è solitamente un tecnico abilitato alla progettazione di edifici ed impianti come l’architetto, l’ingegnere ed il geometra.

Costi

Il costo di un certificato, come per altri servizi professionali, non è soggetto a tariffazione minima. Il prezzo di una certificazione energetica per un appartamento varia in media tra i 150€ ed i 250€ a seconda della città e delle caratteristiche dell’unità immobiliare.

Differenza tra AQE e APE

La prima differenza risiede nel soggetto che redige il documento. L’AQE può essere redato dal progettista o dal direttore dei lavori, quindi una figura che ha già avuto un ruolo attivo durante la costruzione dell’immobile. Viene rilasciato a nome del costruttore e consegnato al comune.

L’APE come detto al punto precedente va redatto obbligatoriamente da un tecnico abilitato secondo il DPR 16 aprile 2013, n. 75.

La seconda differenza è racchiusa nella specifica della classe energetica dell’edificio; nell’AQE non viene riportata. È bene specificare che secondo il D.lgs 311/06 l’AQE doveva sostituire solo temporaneamente l’APE, in attesa di decreti attuativi specifici emanati dalle regioni.

L’AQE è un documento richiesto dal direttore dei lavori, solo a fine lavori, fase ampiamente approfondita in questo articolo.

Torna su
Share via
Copy link
Powered by Social Snap