fbpx

Guida completa del Direttore dei Lavori. Parte 2

In questa seconda parte (qui trovate la prima parte) andremo a esaminare la consegna dei lavori, la consegna dei materiali e la documentazione amministrativa di cui il DL è responsabile per i suoi cantieri.

direttore dei lavori responsabilità nei cantieri
direttore dei lavori responsabilità nei cantieri

La consegna dei lavori (schema riassuntivo)

L’atto che sancisce l’immissione nel possesso dell’area, ove si svolgeranno i lavori, da parte del DL dell’impresa affidataria. La consegna deve avvenire entro 45 giorni dalla data di registrazione alla Corte dei Conti del decreto di approvazione del contratto per le amministrazioni statali.

Il verbale di consegna dei lavori contiene: le aree, i locali, i mezzi d’opera, le eventuali cave concessi all’appaltatore per eseguire i lavori, la dichiarazione che l’area dei lavori è libera da persone e cose e che lo stato attuale non impedisce l’avvio e la prosecuzione dei lavori, la data di ultimazione dei lavori.

Contestualmente l’appaltatore consegna alla Stazione Appaltante il programma esecutivo dettagliato dei lavori, nel quale sono indicate anche le date di maturazione delle rate di acconto.

La consegna dei lavori, se prevista, può anche essere parziale e ciò in base ad una impossibilità di parte delle aree o degli immobili che ne compromettono in parte l’inizio dei lavori. Rimane comunque l’obbligo di redigere un verbale di avvio dei lavori parziale, per ogni consegna dei lavori.

Consegna dei materiali

I prodotti e i materiali ammessi devono rientrare nel novero di quelli marchiati CE ed è responsabilità del DL verificare che i materiali in entrata siano conformi a quanto prescritto dal capitolato speciale di appalto. L’accettazione del materiale in ogni caso è successiva alla messa in opera e alla verifica che non vi siano anomalie nel funzionamento (in questo caso i materiali saranno allontanati dal cantiere e l’impresa avrà il compito di sostituirli).

Nel caso in cui i materiali non corrispondano alle prescrizioni del capitolato, il Direttore dei Lavori, redige un un verbale delle circostanze contestate e lo inoltra tempestivamente al R.U.P., al quale seguiranno accertamenti di laboratorio e prove tecniche a spese dell’appaltatore.

Documentazione amministrativa: il ruolo del direttore dei lavori

Tramite l’ordine di servizio vengono impartite le disposizioni e le istruzioni in merito ai lavori. Questo documento può essere redatto dal responsabile unico del procedimento al direttore dei lavori (istruzioni per garantire la sicurezza dei lavori) oppure dal direttore dei lavori all’appaltatore (istruzioni che garantiscano il rispetto del contratto).

L’atto di sospensione dei lavori redatto dal DL in circostanze speciali (varianti in corso d’opera, avverse condizioni metereologiche o cause di forza maggiore come un terremoto) sospende in via temporanea i lavori e non può in ogni caso superare i 6 mesi superati i quali l’appaltatore può richiedere lo scioglimento del rapporto contrattuale senza indennità.

Anche in questo caso la sospensione può essere totale o parziale ed è soggetta alla redazione di un verbale da inoltrare tempestivamente al R.U.P. Il verbale di sospensione deve contenere:

le ragioni che hanno determinato l’interruzione dei lavori e lo stato di avanzamento dei lavori;
l’imputabilità con riferimento alla consegna dei lavori;
le opere interrotte;
le precauzioni da adottare perché possano essere, all’atto della ripresa dei lavori, continuate e ultimate senza eccessivi oneri;
i mezzi d’opera esistenti in cantiere;
la consistenza della mano d’opera in cantiere.

In modo altrettanto tempestivo, non appena le cause dell’interruzione vengono a cessare, il DL deve predisporre la ripresa dei lavori mediante redazione del verbale di ripresa dei lavori, da inoltrare al R.U.P. entro 5 giorni.

Almeno 30 giorni prima della data di fine lavori, l’appaltatore può richiedere, tramite domanda motivata al R.U.P., la proroga del termine di ultimazione dei lavori, che può concedere discrezionalmente con o senza rimborso a seconda della causa della stessa proroga se imputabile o meno all’appaltatore.

il direttore dei lavori, dopo aver effettuato i necessari accertamenti in contraddittorio con l’appaltatore, redige il processo verbale di ultimazione dei lavori, seguendo le stesse modalità previste per il verbale di consegna.

Il certificato di ultimazione dei lavori, redatto in un unico originale, firmato dall’impresa e dalla D.L. e controfirmato successivamente dal R.U.P., fissa la presa di possesso della S.A. e da questa data possono decorrere:

  • 30 giorni entro i quali la S.A. nomina il collaudatore;
  • 3 mesi entro i quali deve essere emesso il certificato di regolare esecuzione;
  • 6 mesi per il completamento del collaudo;
  • 12 mesi alla cessazione della polizza assicurativa per danni di esecuzione e responsabilità civili verso terzi.

Sempre più direttori dei lavori stanno utilizzando un gestionale come myAEDES per produrre, conservare in sicurezza e recuperare la documentazione, i verbali, il giornale dei lavori di un singolo giorno o di un periodo più ampio. Tutto viene salvato in cloud ed è accessibile da qualsiasi dispositivo come smartphone, tablet, PC o MAC.

Per utilizzarla vi basterà scaricarla premendo qui

Torna su